Serra idroponica all'avanguardia con 35mila piante di pomodoro

La grower responsabile e' una ragazza di 22 anni

Crevalcore, 28.03.2018

Le 35mila piante di pomodoro sono state trapiantate il 21 dicembre. E questa data rimarrà impressa nella mente della 22enne Giulia Bozzoli, in quanto è stato il suo primo giorno da grower responsabile della serra idroponica di Crevalcore (Bologna). "Ho iniziato a lavorare in questa realtà - dice Giulia - nel maggio del 2017. Poi a fine anno il titolare, Florian Gostner, mi ha chiesto se volevo assumermi la responsabilità di grower, ed eccomi qua".


Al centro, con la confezione in mano, la 22enne grower Giulia Bozzoli. Alle sue spalle, da sinistra a destra: Beatrice Di Corrado, Elisabeta Gruia Ana, Barbara Vincenzi

La serra è attiva da quasi due anni (cfr. FreshPlaza del 4 maggio 2016) e oggi la coltivazione è esclusivamente di pomodoro a grappolo. Le persone attualmente impiegate nei 15mila metri quadrati coperti sono una decina. La serra fa capo alla Fri-El Green Power, lo stesso gruppo che in provincia di Ferrara ha realizzato un'analoga serra ma di quasi 12 ettari in un solo corpo (cfr. FreshPlaza del 26/01/2018). 



"Da circa 15 giorni - continua la giovane grower - abbiamo iniziato la raccolta dei pomodori che andrà avanti fino a novembre, quando estirperemo le piante per avviare un nuovo ciclo in coltura idroponica".



"I programmi con le varie catene della Gdo - spiega il responsabile commerciale Alessio Orlandi - procedono bene. Attualmente circa il 65% della produzione viene esportato all'estero. Le principali destinazioni sono Austria, Svizzera, Germania e Gran Bretagna".



La serra sfrutta il calore rilasciato dall'impianto a biomasse realizzato alcuni anni fa dalla Fri-El. L'acqua calda viene sfruttata per riscaldare la serra. La produzione avviene su substrati di lana di roccia e molte delle operazioni agronomiche sono computerizzare: dalla miscelazione della fertirrigazione, al loro timing, dall'apertura dei lucernai al riscaldamento e alla ventilazione, sulla base di una serie di sensori che rilevano le condizioni interne ed esterne. L'acqua utilizzata per la fertirrigazione viene recuperata e riciclata con un sistema a ciclo chiuso.

Contatti
Fri-El Greenhouse
Alessio Orlandi - resp. commerciale
Email: alessio.orlandi@freshguru.it
Web: www.fri-el.it 

FreshPlaza_Articolo

Data di pubblicazione: 28/03/2018
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



< indietro Serra idroponica all'avanguardia con 35mila piante di pomodoro
lg md sm xs